Archivi categoria: Bandi e avvisi

I bandi di gara e gli avvisi di selezione.

Creative Living Lab: AL VIA LA 3. EDIZIONE

COSTRUIRE SPAZI DI PROSSIMITA’ PER PROGETTI DI RIGENERAZIONE URBANA

La Direzione Generale Creatività Contemporanea lancia la 3. edizione dell’avviso pubblico Creative Living Lab, iniziativa nata nel 2018 per finanziare progetti di rigenerazione urbana attraverso attività culturali e creative.

Questa terza edizione, per la quale la DGCC stanzia oltre 1 milione di euro, è finalizzata a sostenere progetti culturali e creativi di natura multidisciplinare, di riqualificazione degli spazi pertinenziali all’interno delle aree residenziali, al fine di sostenere un modello di sviluppo basato su processi collaborativi e di innovazione sociale, contraddistinto da parole/concetti chiave, quali: interazione, coesistenza, quotidianità, resilienza alle pandemie e comunità sostenibili.
A fronte dei radicali cambiamenti in corso e dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, la DGCC intende avviare una riflessione su un tema ritenuto di grande urgenza, quale la carenza di servizi e spazi di qualità nelle differenti realtà urbane del paese, utili ad accogliere in sicurezza e in condizioni favorevoli individui e comunità e a creare occasioni per costruire relazioni, confronto e integrazione.

L’avviso pubblico Creative Living Lab, pubblicato con tutti gli allegati sul sito istituzionale della DGCC al link: http://www.aap.beniculturali.it/creativelab.html, è rivolto a soggetti pubblici e privati senza scopo di lucro, dedicati alla cultura e alla creatività contemporanea e radicati nei territori periferici, quali ad esempio: enti pubblici, fondazioni, associazioni culturali, enti del Terzo settore senza scopo di lucro, università, centri di ricerca non profit, imprese sociali e di comunità non profit, società civile organizzata.

Creative Living Lab sostiene microprogetti di immediata realizzazione, innovativi e di qualità, in grado di trasformare le aree e gli spazi residuali in luoghi di scambio e apprendimento, accessibili, fruibili e funzionalmente differenziati, al fine di creare un rapporto sinergico tra ambiente e tessuto sociale, culturale ed economico; interventi orientati al riutilizzo e alla riorganizzazione delle aree dedicate ai servizi, alle attrezzature di quartiere e agli spazi condominiali comuni.

Le proposte devono indicare nuove forme di utilizzo dei luoghi prescelti al fine di migliorare i servizi, la fruizione e le funzioni culturali, di incentivare l’attivazione di percorsi di partecipazione e autocostruzione attraverso il coinvolgimento di istituzioni, professionisti, artisti, cittadini e soggetti attivi sul territorio e di promuovere un sistema di autorganizzazione dal basso che sia tale da favorire un processo di empowerment e di riappropriazione nelle comunità coinvolte.

Le proposte devono essere trasmesse, pena esclusione, all’indirizzo PEC:
mbac-dg-cc.bandi@mailcert.beniculturali.it
entro e
 non oltre le ore 12.00 del 10.03.2021.

È possibile ottenere chiarimenti scrivendo all’indirizzo:
creativelivinglab@beniculturali.it
entro e non oltre le
 ore 12:00 del 01.03.2021

PROROGA scadenza: BORGHI IN FESTIVAL Comunità, cultura, impresa per la rigenerazione dei territori

È online sul sito www.borghinfestival.beniculturali.it e sui siti istituzionali della Direzione Generale Creatività Contemporanea e della Direzione Generale Turismo del MiBACT l’Avviso Pubblico “Borghi in Festival”, dal valore di 750.000 euro, per il finanziamento di attività culturali finalizzate a favorire la rigenerazione culturale, turistica ed economico-sociale dei piccoli comuni italiani.

L’Avviso Pubblico e gli Allegati sono scaricabili a questo link: https://borghinfestival.beniculturali.it/avviso-pubblico/

Le proposte dovranno pervenire entro le ore 12:00 del 15 gennaio 2021. A causa della situazione determinata dalla diffusione del Covid19, la scadenza per la presentazione delle proposte è prorogata alle ore 12 del 29 gennaio 2021.

Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa – Premio Nazionale del Paesaggio 2021

Alla pagina https://www.premiopaesaggio.beniculturali.it/ è stato pubblicato il BANDO per la selezione della Candidatura italiana alla VII edizione del Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa e per il conferimento del Premio Nazionale del Paesaggio 2021.

Regolamento, bando e formulario per candidare progetti di paesaggio alla VII Edizione del Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa sono disponibili all’indirizzo su indicato. Alla selezione possono partecipare Regioni, enti locali e altri soggetti pubblici, fondazioni o soggetti associativi senza fine di lucro, singolarmente o in associazione, inoltrando, entro il giorno 15 dicembre 2020, le proposte di candidatura.

L’Edizione 2020- 2021 coincide con le Celebrazioni del Ventennale della Firma della Convenzione Europea del Paesaggio avvenuta nel Salone dei Cinquecento a Firenze il 20 ottobre 2000. Oggi sono 32 i Paesi Europei che hanno sottoscritto la Convenzione. 

Segreteria tecnica del Premio:

Tel. 06/6785815 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 18.00); 
premiopaesaggio@beniculturali.it

Il Premio del Paesaggio è promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo con l’assistenza tecnica dell’Associazione Mecenate 90.   

Scarica il bando

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI CINQUE INCARICHI DI COLLABORAZIONE NELL’AMBITO DELL’ATTIVITÀ DI CATALOGAZIONE PROGRAMMA 2020 – SETTORE ARCHEOLOGIA

Con il presente Avviso la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e la provincia di La Spezia (di seguito, Soprintendenza) indice una procedura comparativa finalizzata al conferimento di n. 5 (cinque) incarichi individuali con affidamento diretto, ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs 165/2001, per attività di catalogazione e inventariazione patrimoniale.

A seguito della circolare 32 del 26 luglio 2017 della Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e della nota prot. 23605 del 17 agosto 2017 della medesima Direzione, con la quale è stato comunicato che verranno accreditati € 15.000 e € 6.000 sul capitolo 7952/PG27/2017, rispettivamente per attività di raccolta dati finalizzata all’inserimento nel Geoportale Nazionale dell’Archeologia e per inventariazione di lotti di beni archeologici, questa Soprintendenza ha programmato di destinare tali importi alle seguenti attività:

– avvio del censimento, riordino e schedatura della documentazione d’archivio relativa ai dati raccolti nell’ambito delle attività di ricerca archeologica svolte sotto la direzione scientifica della Soprintendenza (assistenze, rinvenimenti fortuiti, indagini programmate), nonché alle raccolte di dati archeologici su base territoriale già effettuate nel corso degli anni, finalizzati al riversamento nel Geoportale Nazionale dell’Archeologia (GNA). La digitalizzazione della documentazione d’archivio, da far confluire nell’archivio digitale esistente, sarà contestuale all’avvio della schedatura finalizzata al riversamento nel GNA tramite template GIS MODI_Archeo;

– l’inventariazione patrimoniale di 1500 lotti di beni archeologici di lotti di materiale archeologico presenti nei depositi statali, con precedenza a quelli relativi al territorio delle province di Imperia e Savona che saranno a breve oggetto di passaggio di consegne al nuovo istituto, anche dal punto di vista patrimoniale. Il progetto prevede che i contesti di scavo siano individuati e descritti tramite authority file DSC 4.00 e che l’inventariazione patrimoniale sia realizzata tramite il Modulo Inventariazione Patrimoniale 4.00 (MINP), entrambi sulla piattaforma SIGECweb. L’attività comprende inoltre l’apposizione di etichette opportunamente predisposte su tutti i contenitori ovvero oggetti sottoposti a inventariazione.

Tutte le informazioni relative al sistema SIGECweb sono consultabili al sito www.iccd.beniculturali.it.

2. Importi

L’importo complessivo lordo destinato agli incarichi con affidamento diretto è di € 21.000,00 sul capitolo di spesa 7952/PG 27/2020.

In considerazione delle tempistiche imposte per lo svolgimento dell’attività, è stato previsto il conferimento di 5 (cinque) incarichi suddivisi nel modo che segue:

– 3 incarichi dell’importo di € 5.000 lordi ciascuno. Ogni incarico prevede la digitalizzazione di non meno di 200 fascicoli cartacei e l’inserimento tramite apposito template GIS_Archeo di non meno di 400 record digitali;

– 2 incarichi dell’importo di € 3.000 lordi ciascuno. Ogni incarico prevede la compilazione di non meno di 750 moduli MINP per inventariazione a lotti con i relativi authority file DSC.

3. Requisiti di ammissibilità delle candidature

3.1. Requisiti di legge

– Cittadinanza italiana o straniera, nel qual caso si chiede la conoscenza della lingua italiana;

– Pieno godimento dei diritti civili e politici;

– Assenza di carichi pendenti e non aver riportato condanne penali (intendendo come tale anche quella che segue al cosiddetto patteggiamento);

– Assenza di provvedimenti interdittivi dai pubblici uffici con sentenza passata in giudicato;

– Non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero dichiarati decaduti ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d), del D.P.R. 10 gennaio 1957 n.3;

– Essere in possesso di Partita IVA ai sensi dell’art. 7, comma 6 del D. Lgs. 165/2001 così come modificato dal D. Lgs. 25 maggio 2017, n. 75.

3.2. Requisiti professionali

– Conoscenza del sistema SIGECweb;

– Possesso dei requisiti di cui al D.M. 244 del 20 maggio 2019, allegato 2 “Requisiti  di conoscenza,  abilità  e  competenza  della  figura  professionale dell’archeologo”, fascia II (EQF 7);

– (per l’inserimento dei dati dei beni immobili, incarico A) Competenza professionale con sistemi GIS;

– (per l’inventariazione dei beni mobili, incarico B) Conoscenza delle principali classi di materiale archeologico documentate in Liguria in età protostorica, romana, medievale e post-medievale, documentata tramite pubblicazioni o frequenza di corsi specialistici;

I requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione delle candidature. Per i titoli di studio conseguiti all’estero è richiesta una dichiarazione di equipollenza. II candidato non in possesso dei requisiti di cui ai punti 3.1 e 3.2 si intende automaticamente escluso, senza alcun onere di comunicazione da parte di questa Soprintendenza.

4. Modalità e tempi di esecuzione dell’incarico

L’attività prevede l’utilizzo del sistema SIGECweb e presuppone la conoscenza circa le procedure di catalogazione dei lotti di materiale archeologico per mezzo del suddetto sistema da parte del candidato.

Lo svolgimento delle attività di digitalizzazione e di documentazione dei beni mobili deve essere necessariamente svolto presso la sede della Soprintendenza, presso i depositi e gli archivi oggetto degli incarichi. L’esigenza imprescindibile di operare nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di contenimento del contagio da COVID-19 potrà comportare restrizioni agli orari e ai giorni in cui archivi e depositi saranno accessibili.

Tutti gli incarichi dovranno essere assegnati entro il 30/09/2020 e dovranno essere portati a termine entro il 15/12/2020.

5. Modalità di presentazione della candidatura

Le candidature potranno essere presentate dal giorno di pubblicazione del presente Avviso sul sito https://soprintendenza.liguria.beniculturali.it/, sezione “Amministrazione trasparente”, “Bandi e Avvisi” e per i successivi 10 giorni naturali e consecutivi (scadenza 19 settembre 2020).

Possono presentare domanda di candidatura solo le persone fisiche rappresentate da singoli esperti in possesso dei requisiti richiesti. Non è prevista né ammessa la candidatura di persone giuridiche quali società, associazioni, enti etc.

Gli interessati a presentare candidatura devono obbligatoriamente, pena la non ammissibilità, compilare e sottoscrivere in originale l’Allegato A (Domanda), allegare il Curriculum Vitae in formato europeo, e inviarli unitamente alla fotocopia di un documento di identità in corso di validità, tramite PEC all’indirizzo mbac-sabap-lig@mailcert.beniculturali.it.

I titoli saranno attestati con autocertificazione ai sensi dell’Art. 46, D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

La domanda dovrà contenere l’indicazione esplicita dell’incarico per il quale si propone la candidatura.

6. Selezione degli esperti

Visto l’oggetto degli incarichi che richiede specifiche competenze tecnico scientifiche, i professionisti verranno selezionati tra i candidati tenendo conto dei curricula presentati, individuati dal funzionario responsabile del Servizio Catalogo della Soprintendenza, congiuntamente ad altri due funzionari della Soprintendenza.

Al termine delle operazioni di valutazione dei curricula la Commissione provvederà a redigere una graduatoria di merito tenendo conto del numero degli incarichi di cui si prevede l’affidamento ed eventualmente a indire un colloquio per la verifica dei requisiti.

Previo accertamento della regolarità formale degli atti, le graduatorie definitive saranno approvate con atto del Soprintendente. Le graduatorie definitive verranno pubblicate sul sito istituzionale della Soprintendenza e rimangono in vigore per la durata di 3 (tre) anni dalla data di approvazione, per le attività specifiche oggetto del presente avviso. Ai candidati risultati vincitori verrà comunicato tramite e-mail l’esito della procedura.

7. Modalità di conferimento e svolgimento degli incarichi

Le modalità, le condizioni economiche e la durata dell’incarico saranno regolate da apposito contratto sottoscritto tra le parti.

Fatte salve eventuali proroghe, il contratto si considererà risolto alla data di scadenza. Nel caso in cui l’esecuzione dell’incarico dovesse risultare parziale (numero di schede compilate inferiore a quanto specificato al punto 2 del presente avviso), dall’importo stabilito verrà detratta una somma pari a 4,00 (quattro) euro per ogni scheda non compilata.

8. Privacy

Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e successive integrazioni e del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) si informa che:

– Il conferimento dei dati è obbligatorio;

– Il trattamento dei dati sarà effettuato dalla Soprintendenza con sede a Genova, Via Balbi 10, nei limiti necessari a perseguire le sopra citate finalità, con modalità e strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza dei richiedenti;

– All’interessato sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 della legge 196/2003, “Codice in materia di dati personali”;

– Il responsabile del trattamento è il dirigente pro tempore;

– I dati non saranno oggetto di diffusione.

Il presente Avviso non vincola, in alcun modo, la Soprintendenza e può essere modificato, sospeso o revocato per esigenze amministrative e giuridiche, senza che i candidati che abbiano presentato domanda possano vantare alcuna pretesa.

Genova, lì 9 settembre 2020

IL SOPRINTENDENTE ad interim

Manuela Salvitti

Il funzionario responsabile

Stefano Costa

CATALOGO – Ufficio catalogo, Depositi, Archivio storici, Archivi fotografici

Documenti scaricabili

Avviso pubblico per il conferimento di cinque incarichi di collaborazione nell’ambito dell’attività di catalogazione Programma 2020 (Settore Archeologia) – Prot. 18584 del 09/09/2020

Allegato A (fac-simile domanda)

⚠️ Comunicazione ⚠️ Nuovi indirizzi PEO e pec dal 01 ottobre 2020

Dal 01 ottobre 2020 sono attivi unicamente i seguenti nuovi indirizzi:

Corrispondenza e istanze relative alla città metropolitana di Genova a alla provincia di La SpeziaIndirizzate a
PEO sabap-met-ge@beniculturali.it
PEC mbac-sabap-met-ge@mailcert.beniculturali.it
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le provincia di La Spezia
via Balbi, 10
16126 Genova
Corrispondenza e istanze relative alle province di Imperia e SavonaIndirizzate a
PEO sabap-im-sv@beniculturali.it
PEC mbac-sabap-im-sv@mailcert.beniculturali.it
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Imperia e Savona
via Balbi, 10
16126 Genova

Verifica Preventiva Interesse Archeologico – Modalità di Accesso all’archivio scientifico della documentazione archeologica

Si avvisano gli utenti che è nuovamente possibile accedere all’Archivio scientifico della documentazione archeologica per la redazione dei documenti di Verifica Preventiva di Interesse Archeologico.

Per presentare istanza di accesso, è necessario scaricare , compilare ed inviare via PEC l’apposito modulo disponibile nella sezione modulistica e contattare il Funzionario Archeologo competente per territorio (qui la lista).

Nei casi in cui la documentazione richiesta sia già disponibile in formato digitale verrà privilegiato, in luogo della consultazione in archivio, l’invio via posta elettronica della documentazione richiesta.
Si raccomanda la puntuale individuazione dei documenti richiesti per la consultazione, che devono essere dettagliatamente indicati nell’istanza. A tale scopo sarà al più presto reso disponibile su questa pagina l’elenco della documentazione disponibile in Archivio.

Nei casi in cui si renda necessaria la consultazione di materiale cartaceo in Archivio, l’accesso dovrà avvenire nel rispetto delle norme per la prevenzione e il contenimento del contagio da COVID19, e sarà possibile esclusivamente su appuntamento da concordarsi con il Funzionario Archeologo competente per territorio (qui la lista).
Sarà possibile la riproduzione della documentazione consultata, privilegiando l’uso di strumentazione del richiedente (fotocamera digitale, smartphone, scanner portatile, ecc.), per garantire il rispetto delle misure igienico-sanitarie vigenti.

Per accedere all’edificio presso la portineria di Palazzo Reale vige l’obbligo di compilare e presentare il modulo di autocertificazione scaricabile qui .
Durante tutta la permanenza presso la sede è obbligatorio di indossare i dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherina) ai sensi delle norme vigenti per il contenimento del contagio epidemiologico da COVID-19. Per le stesse ragioni è fatto divieto all’utenza esterna di circolare presso gli uffici dei singoli funzionari o in altri spazi comuni diversi da quelli individuati per il ricevimento.

Tutte le richieste saranno protocollate e prese in carico entro i termini di legge, ma la necessità di adottare le suddette misure di sicurezza e di sottoporre il materiale alle misure di isolamento e quarantena dopo ogni consultazione potrebbe comportare una dilatazione dei tempi per l’accesso.

Ricevimento utenza esterna – 🌡️⚠️😷 Aggiornamento del 18.06.2020

Dal 18 giugno 2020 riprenderanno i ricevimenti dell’utenza esterna con i funzionari tecnici con competenza sul territorio, esclusivamente su appuntamento (da concordarsi con il funzionario), e solo nei casi in cui il ricevimento non possa essere espletato in modalità remota.

Per accedere all’edificio presso la portineria di Palazzo Reale vige l’obbligo di compilare il modulo di autocertificazione scaricabile qui .
Durante tutta la permanenza presso la sede è obbligatorio di indossare i dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherina) ai sensi delle norme vigenti per il contenimento del contagio epidemiologico da COVID-19. Per le stesse ragioni è fatto divieto all’utenza esterna di circolare presso gli uffici dei singoli funzionari o in altri spazi comuni diversi da quelli individuati per il ricevimento.

Modalità di ritiro delle seconde copie allegate alle istanze: 🌡️⚠️😷aggiornamento del 20.07.2020

Dal 17 giugno 2020 sarà nuovamente possibile l’accesso degli utenti esterni per il ritiro delle seconde copie allegate alle istanze, come indicato sulle autorizzazioni ricevute via PEC.
Diversamente da come avveniva in precedenza, il ritiro sarà ora possibile nella sola giornata del lunedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Per accedere all’edificio presso la portineria di Palazzo Reale vige l’obbligo di compilare il modulo di autocertificazione scaricabile qui .
Durante tutta la permanenza presso la sede è obbligatorio di indossare i dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherina) ai sensi delle norme vigenti per il contenimento del contagio epidemiologico da COVID-19.

Avviso pubblico per il conferimento di due incarichi di collaborazione nell’ambito dell’attività di catalogazione Programma 2019 – Patrimonio storico, artistico e architettonico

Con il presente Avviso la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia La Spezia e Savona (di seguito “Soprintendenza”) indice una procedura comparativa ai sensi dell’art. 7 commi 6, 6-bis e 6-ter del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., per il conferimento di n. 1 (uno) incarico individuale di lavoro per attività di catalogazione  di beni mobili vincolati di proprietà privata e di  n. 1 (uno) incarico individuale di lavoro per attività di catalogazione  di beni immobili vincolati.

A seguito della circolare della Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio n. 17 del 28.06.2019 con la quale è stata comunicata l’assegnazione di fondi per un totale di € 8.000,00 sul capitolo 8281/PG27 (patrimonio storico, artistico e architettonico), e alla successiva nota di indicazioni procedurali dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione prot. SG26 0001695 del 27/07/2019, questo Ufficio ha programmato di destinare l’importo di € 4. 000 per il seguente progetto: 

    1. a) Catalogazione e revisione di schede di beni mobili di proprietà privata vincolati a livello inventariale utilizzando il modello di scheda OA sulla piattaforma Sigecweb

e di destinare il rimanente importo di € 4. 000 per il seguente progetto:

      1. b) Inserimento nel sistema Beni Tutelati di decreti di vincolo dei beni immobili architettonici non presenti nel sistema Vincoli in Rete o nel Sicecweb,

Le candidature potranno essere presentate dal giorno di pubblicazione del presente Avviso sul sito http://soprintendenza.liguria.beniculturali.it/, sezione “Bandi e Avvisi” e per i successivi 14 giorni naturali e consecutivi (scadenza 2 dicembre 2019).

Gli interessati a presentare candidatura devono obbligatoriamente, pena la non ammissibilità, compilare e sottoscrivere in originale l’Allegato A (Domanda), allegare il Curriculum Vitae in formato europeo, e inviarli unitamente alla fotocopia di un documento di identità in corso di validità, tramite PEC all’indirizzo mbac-sabap-lig@mailcert.beniculturali.it.

Funzionari responsabili del Procedimento: Francesca De Cupis (Beni mobili), Maria Carla Bottaro (Beni immobili)

Documenti inerenti la catalogazione di beni mobili
Bando
Fac simile domanda

Documenti inerenti la catalogazione di beni immobili
Bando
Fac simile domanda

Avviso pubblico per il conferimento di un incarico di collaborazione nell’ambito dell’attività di catalogazione Programma 2018 – Archeologia

Con il presente Avviso la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia La Spezia e Savona (di seguito “Soprintendenza”) indice una procedura comparativa ai sensi dell’art. 7 commi 6, 6-bis e 6-ter del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., per il conferimento di n. 1 (uno) incarico individuale di lavoro per attività di catalogazione.

A seguito della nota della Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio prot. 19144 del 13/07/2018 con la quale sono stati accreditati fondi per un totale di € 5.000 sul capitolo 7952/PG27 (Archeologia), e alla successiva nota di indicazioni procedurali dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione prot. SG26 0001695 del 30/07/2018, questo Ufficio ha programmato di destinare tale importo per la digitalizzazione, revisione e aggiornamento a livello inventariale di 300 schede di beni immobili archeologici (SI, CA, MA) localizzati nel territorio della città metropolitana di Genova, escluso il territorio del Comune di Genova. Le attività sono da realizzarsi esclusivamente sulla piattaforma SIGECweb. Tutte le informazioni relative al sistema sono consultabili sul sito www.iccd.beniculturali.it.

Il progetto prevede l’aggiornamento di non meno di 300 schede di beni immobili archeologici (SI, MA, CA), in parte già compilate nel SIGECweb, provenienti da diverse banche dati (Vincoli in Rete, precedente database topografico della Soprintendenza). Non sono previsti sopralluoghi. Tutte le schede in questione dovranno comunque riportare la corretta georeferenziazione areale del bene (o puntuale, solo nei casi in cui non sia possibile una delimitazione areale) per assicurare l’interscambio con la piattaforma Vincoli in Rete (VIR) ai fini dell’individuazione dei beni a rischio. Tutte le informazioni relative a VIR sono consultabili al sito www.vincoliinrete.beniculturali.it.

Le candidature potranno essere presentate dal giorno di pubblicazione del presente Avviso sul sito http://soprintendenza.liguria.beniculturali.it/, sezione “Amministrazione trasparente”, “Bandi e Avvisi” e per i successivi 14 giorni naturali e consecutivi (scadenza 14 novembre 2018).

Gli interessati a presentare candidatura devono obbligatoriamente, pena la non ammissibilità, compilare e sottoscrivere in originale l’Allegato A (Domanda), allegare il Curriculum Vitae in formato europeo, e inviarli unitamente alla fotocopia di un documento di identità in corso di validità, tramite PEC all’indirizzo mbac-sabap-lig@mailcert.beniculturali.it.

Funzionario responsabile del Procedimento: Stefano Costa

Documenti scaricabili