Tutti gli articoli di Staff

CONNESSIONI. Oggetti, saperi, parole, culture e civiltà Convegno Scientifico Internazionale nel ricordo di Filippo Maria Gambari a due anni dalla sua scomparsa Museo delle Civiltà, Roma (novembre 2022) – I CIRCOLARE

La figura di Filippo Maria Gambari, per trent’anni Funzionario Archeologo in Piemonte, Soprintendente Archeologo in Liguria, Emilia-Romagna e Lombardia, Segretario Regionale della Sardegna e da ultimo Direttore del Museo delle Civiltà, prematuramente scomparso, verrà ricordata nell’ambito del Convegno a lui dedicato che si terrà a Roma nella sede del Museo delle Civiltà nel novembre 2022 (le date, comprese tra 14 e 19, saranno comunicate nella II circolare).


L’intento è quello di omaggiare lo studioso, il collega, il Dirigente sempre pronto all’ascolto e disponibile al consiglio e alla collaborazione.
Instancabile nella ricerca, sempre accanto a chi lavorava con lui, sempre disponibile a trasmettere il proprio sapere e la propria competenza, in particolare alle generazioni di studiosi più giovani, amava condividere la sua passione e il suo entusiasmo. La sua profonda cultura e il suo desiderio di conoscere lo hanno portato ad affrontare tematiche diverse e apparentemente molto distanti tra loro. Sebbene i suoi interessi e i suoi studi si siano concentrati prevalentemente sulla protostoria italiana, sulla storia della paletnologia, sull’arte rupestre e sulla normativa dei beni culturali e l’organizzazione del Ministero, i suoi compiti di
Dirigente lo hanno condotto a realizzare progetti e iniziative che spaziavano in tutti i campi dell’archeologia, dell’antropologia, dell’etnografia, della storia dell’arte e delle tradizioni popolari. Il suo legame con la realtà sociale e territoriale con la quale di volta in volta interagiva gli ha permesso di connettere quest’ultima con gli spazi e le tematiche proprie dell’archeologia.
Proprio per conformarsi alla molteplicità degli argomenti da lui trattati che difficilmente troverebbero agio entro limiti cronologici o geografici, il convegno viene articolato in ampie sessioni tematiche e, come avrebbe voluto lui, dando lo stesso spazio a tutti gli interventi.
Le comunicazioni proposte saranno quindi organizzate dal Comitato Scientifico secondo le seguenti tematiche:
Oggetti – Saperi – Parole – Culture – Civiltà
Si invitano quanti hanno condiviso con lui un percorso di lavoro o ricerca, ma anche coloro che vogliano ricordare in questa occasione i suoi ambiti di studio, a inviare proposte di comunicazioni indicando la sessione nella quale inserire il proprio contributo. Per garantire il tempo tassativo di 15 minuti per ogni comunicazione non si potranno presentare più di 18
slide (compresa quella iniziale con il titolo e gli autori). I riassunti delle comunicazioni (massimo 1500 battute, spazi inclusi) e la richiesta di adesione dovranno essere inviati entro e non oltre il 15 gennaio 2022 alla mail mu-civ.bpi-connessioni@beniculturali.it per essere sottoposti all’esame del Comitato Scientifico cui è demandata la loro accettazione e la scelta definitiva della sessione.
Il Comitato risponderà al solo autore di riferimento entro il 15 febbraio 2022.
Si segnala fin d’ora che i contributi, redatti secondo le norme del BPI – Bullettino di Paletnologia Italiana (gli Atti troveranno spazio in un supplemento alla rivista), dovranno essere consegnati entro il 31 marzo 2023.
Contestualmente alla conferma dell’accettazione della proposta, saranno inviate le norme editoriali per la pubblicazione (a cui
si prega di attenersi scrupolosamente) e verranno comunicate le dimensioni del contributo (caratteri e figure).
Il Comitato Scientifico: Massimo Osanna, Loretta Paderni, Paolo Boccuccia, Marica Venturino, Irene Baroni, Nadia Campana, Andrea Cardarelli, Massimo Casagrande, Barbara Grassi, Monica Miari, Francesco Rubat Borel.

Criteri e modalità di gestione e di funzionamento del Fondo per il restauro e per altri interventi conservativi sugli immobili di interesse storico e artistico

Con il Decreto 8 ottobre 2021, n. 346 adottato dal Ministro della Cultura di concerto con il Ministro deII’Economia e delle Finanze recante “Criteri e modalità di gestione e di funzionamento del Fondo per il restauro e per altri interventi conservativi sugli immobili di interesse storico e artistico dicui all’articolo 65-bis del decreto-legge25 maggio2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge23luglio2021,n.106”, si sono forniti i criteri e le modalità di gestione e funzionamento del Fondo per il restauro istituito con il Decreto Legge n.73/2021. 

In particolare sono stati individuati le modalità di accesso e riconoscimento del credito d’imposta alle  persone fisiche di cui all’articolo 2 del TUIR, che detengono a qualsiasi titolo gli immobili di interesse storico e artistico soggetti alla tutela prevista dal D. Lgs. n. 42/2004, per le spese sostenute negli anni 2021 e 2022 per interventi, autorizzati ai sensi dell’articolo 21 del Codice, volti alla manutenzione, protezione e restauro dei predetti immobili.

Il credito d’imposta di cui all’art. 65-bis del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73 è riconosciuto nella misura del 50% dei costi sostenuti dai richiedenti per gli interventi conservativi​  realizzati negli anni 2021 e 2022, fino a un importo massimo complessivo di 100.000 euro per ciascun  immobile e comunque nel limite di spesa di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, fino ad esaurimento delle risorse disponibili in ciascun periodo di imposta.

Il modulo per la presentazione dell’istanza e l’elenco della documentazione a corredo della stessa, sono disponibili, oltre che sul portale Istituzionale di questa Soprintendenza, anche sul sito istituzionale della Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio, all’indirizzo https://dgabap.cultura.gov.it/202 1/12/fondo-per-il-restauro/.

Decreto 8 ottobre 2021, n. 346 del MiC e del MEF

Modulo per istanza

Elenco documentazione a corredo dell’istanza

Si comunica che l’istanza, debitamente compilata e sottoscritta digitalmente dal richiedente,  deve essere inviata esclusivamente all’indirizzo PEC fondorestauro@mailcert.benicuIturali.it, dal 1º al 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui è stata sostenuta la spesa per la realizzazione dell’intervento conservativo.

Regina di Genova – tour delle edicole votive genovesi

Il progetto “Regina di Genova”, a partire dal 9 dicembre, permette ai genovesi e aturisti di scoprire, attraverso un tour di circa due ore dedicato, le prime sei edicole votive ristrutturate e illuminate nell’ambito del Piano Integrato Caruggi.

Ecco una piccola rassegna stampa in merito:

Dall’articolo https://www.genova24.it/2021/12/regina-di-genova-dal-9-dicembre-un-tour-alla-scoperta-delle-edicole-votive-agli-angoli-dei-caruggi-286492 :

“Per la prima volta grazie a lavoro in stretta sinergia con Soprintendenza e Università – spiega l’assessore al turismo Laura Gaggero – offriremo un tour dedicato alle edicole votive che comprenderà anche altre tappe del nostro patrimonio architettonico, con la visita di luoghi religiosi uniti dal filo rosso della natività di Gesù e del culto mariano”.
“La festività dell’Immacolata – spiega l’assessore al Centro Storico Paola Bordilli – è l’occasione ideale per presentare ai genovesi il grande lavoro svolto da inizio anno sul recupero di un primo importante nucleo di edicole votive. Abbiamo un patrimonio inestimabile di edicole, ognuna con una propria storia che rappresenta uno spaccato di tradizioni dei sestieri, che vogliamo riportare alla luce e quindi valorizzarlo anche attraverso un’illuminazione ad hoc”.
“Questo è un progetto all’insegna della continuità – spiega Cristina Bartolini, nuovo soprintendente – e le attività che abbiano svolto, sopratutto per le autorizzazioni per la richiesta dei lavori sulle nove edicole, è stato estremamente rapido, ma senza venir meno alla regolarità e la completezza delle procedure amministrative, e al rigore tecnico e scientifico con il quale vengono svolti i lavori”.

Offerta Formativa Nazionale 2021-2022 – Servizi educativi MiC – CIRC. 38 DG-ERIC

In  linea  con  quanto  previsto  dal  Piano nazionale per l’Educazione al patrimonio culturale 2021, la Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali ha pubblicato online l’Offerta Formativa Nazionale 2021-2022 – Servizi educativi MiC.  
L’iniziativa, giunta alla IX edizione, intende promuovere il sistema educativo degli istituti centrali e  periferici del Ministero che, a titolo gratuito, pongono in essere percorsi, laboratori, visite, incontri e corsi di
aggiornamento  rivolti  a  tutti  i  pubblici,  con  particolare  attenzione  al  mondo  della  scuola  e  alle  giovani generazioni, in termini di conoscenza, partecipazione, inclusione e sviluppo culturale.  
Le proposte in programma, raccolte dal Centro per i servizi educativi, afferente al Servizio 1 Ufficio studi, sono rese consultabili attraverso una banca dati dedicata raggiungibile dagli indirizzi:
www.dger.beniculturali.it; www.sed.beniculturali.it.

Dal Castello di Madrignano: uno sguardo al passato. Tracce della storia del territorio tra Val di Vara e Lunigiana | Inaugurazione della mostra sabato 18 dicembre 2021

Sabato 18 dicembre alle ore 15:30 al Cento espositivo “Gli Antichi Liguri in Val di Vara“, presso il Castello Malaspina di Madrignano a Calice al Cornoviglio (SP) recentemente restaurato dalla Soprintendenza, verrà inaugurata la mostra Dal Castello di Madrignano: uno sguardo al passato. Tracce della storia del territorio tra Val di Vara e Lunigiana.


Presentazione del volume “FOSFATI ED OSSALATI ARTIFICIALI per la conservazione delle superfici dell’architettura” – 17 dicembre 2021

Venerdì 17 dicembre 2021 alle ore 14 presso il DAD – Dipartimento di Architettura e Design, Aula Benvenuto – Stradone Sant’Agostino 37, Genova, verrà presentato il volume FOSFATI ED OSSALATI ARTIFICIALI per la conservazione delle superfici dell’architettura, a cura di Carla Arcolao e Angelita Mairani.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria all’indirizzo angelita.mairani@beniculturali.it.
Green pass obbligatorio ai sensi della normativa vigente.

APERTURA straordinaria per persone STRAORDINARIE – Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità | 3 dicembre 2021

ll Segretariato regionale del Ministero della Cultura per la Liguria e la Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Genova e la Provincia di La Spezia organizzano l’evento


APERTURA straordinaria per persone STRAORDINARIE
Genova, Chiesa di San Giuliano, ore 14.30


Visita guidata dell’abbazia di San Giuliano dedicata espressamente ad un pubblico di persone con disabilità e condotta da un’esperta di accessibilità alla cultura.
Giornata organizzata grazie al generoso contributo di Rotaract Club Genova.

La giornata dedicata alle persone con disabilità si pone nell’ottica di ripensare ai Luoghi della Cultura e all’importanza del patrimonio culturale in relazione all’opportunità di attivare esperienze nuove, sempre più inclusive e partecipate.

La visita alla Chiesa di San Giuliano, in particolare, sarà riservata a un gruppo di utenti del Cepim, Associazione di Volontariato e Fondazione di Genova, che ormai da quasi cinquant’anni rappresenta un fondamentale ed efficace polo di riferimento per le persone Down e i loro famigliari nella gestione delle problematiche del quotidiano; anche nella circostanza, CEPIM metterà a disposizione il contributo dei propri docenti e accompagnatori.

Lidia Schichter, guida turistica esperta di accessibilità alla cultura di “DALET Tracce di memoria”, sta preparando i ragazzi alla visita già da alcune settimane, con il supporto della Soprintendente di Genova e La Spezia architetto Cristina Bartolini, e di Paola Traversone, storica dell’Arte del Segretariato MIC Liguria.

L’iniziativa, organizzata grazie al generoso contributo di Rotaract Club Genova, si propone non soltanto di offrire un contributo per facilitare l’avvicinamento all’Arte di una parte di pubblico che necessita di specifici linguaggi e ausilî, ma vorrebbe costituire un’occasione di condivisione con i partecipanti di un’esperienza emozionale comune e reciproca.

Per conoscere le altre iniziative organizzate dal Ministero della Cultura in occasione del 3 Dicembre:
https://www.beniculturali.it/evento/3dicembre2021ungiornoallannotuttolanno

International Day of Persons with Disabilities, 3 December
https://www.un.org/en/observances/day-of-persons-with-disabilities

European Day of Persons with Disabilities 2021
https://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=en&catId=88&eventsId=1919&furtherEvents=yes

In particolare, cfr. la Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni. Un’Unione dell’uguaglianza: strategia per i diritti delle persone con disabilità 2021-2030 (3 marzo 2021):
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=COM:2021:101:FIN#PP4Contents

FONDAZIONE CEPIM
https://www.fondazionecepim.it/

Rotaract Club Genova Nord – Nord Ovest
http://rotaractclubgenova.altervista.org/?doing_wp_cron=1638176330.1358699798583984375000

DALET Tracce di memoria
Facebook: @daletvisiteguidate

AVVISO PUBBLICO – PROCEDURA DI RECLUTAMENTO SPECIALE ex articolo 20, comma 1, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n.75

SUPERAMENTO DEL PRECARIATO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI – SCADENZA 13 DICEMBRE 2021

Si rende nota la pubblicazione del Decreto Direttoriale rep. n. 2240 del 22.11.2021 – unitamente alla documentazione allo stesso allegata – avente ad oggetto l’avviso pubblico per l’espletamento della procedura di reclutamento speciale ex articolo 20, comma 1, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n.75.

Tale procedura si pone il fine di sopperire, e nell’immediato, alle gravi carenze in organico e di offrire una tutela rispetto a forme di precariato protrattesi nel tempo, valorizzando l’esperienza professionale maturata all’interno della pubblica amministrazione acquisita dal personale con rapporti di lavoro di natura flessibile, in coerenza con i fabbisogni e le esigenze organizzative e funzionali dell’amministrazione, nel rispetto dei principi generali in materia di programmazione del fabbisogno di personale e di dotazione organica ai sensi dell’art.35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Il numero delle unità di personale potenzialmente in possesso dei requisiti normativamente richiesti, distinto in relazione alle posizioni professionali ricoperte, è emerso all’esito di una fase di ricognizione interna, avviata con la Circolare Dg-Or n.251/2021. Posti e profili professionali individuati si trovano nella tabella seguente, pubblicata all’interno dello stesso Decreto Direttoriale su citato:

La domanda di ammissione, redatta utilizzando il modello allegato n.1, dovrà essere presentata entro il termine perentorio fissato nella data del 13 dicembre 2021.

Per info su requisiti di ammissione necessari ai fini della partecipazione, termini e canali di presentazione della domanda, criteri di verifica e valutazione nella duplice fase istruttoria, modalità di stabilizzazione e stipula del contratto individuale di lavoro, decorrenza del contratto individuale di lavoro ed ogni altro eventuale dettaglio, si invitano gli interessati a consultare l’Avviso pubblico ed il relativo Allegato, pubblicati anche sul sito istituzionale del Ministero della Cultura nella sezione Trasparenza – sottocategoria Bandi di concorso – Assunzione di personale, nonché nella sezione Atti e normativa – sottocategoria Avvisi, con valore di notifica per gli interessati alla presente procedura.