Servizio tecnico di archeologia subacquea

Referente:

dott. Simon Luca Trigona

 

Staff: Carlo Brizi, Alessandra Cabella, Marco Danielli

Per scrivere la storia di un territorio è necessario raccogliere tutte le tracce del passaggio dell’uomo su di esso, ivi comprese le testimonianze archeologiche che giacciono sul fondo dei mari, dei laghi e dei fiumi.

Con la costituzione del primo Nucleo di Archeologia Subacquea nel giugno del 1997, la già Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria, ora Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona , si è dotata di un ulteriore strumento per l’attività di ricerca, incrementando in tal modo la possibilità di raccolta di informazioni fondamentali per la ricostruzione storica del territorio regionale e, più in generale, del Mediterraneo occidentale.

Oltre alla ricerca, le attività istituzionali del Ministero comprendono in particolare il controllo e la tutela del patrimonio culturale, attività che il Nucleo ha consentito di estendere anche all’ambiente subacqueo, esposto a rischi sempre maggiori a causa dell’esponenziale incremento delle immersioni ricreative e dei progetti di nuove opere pubbliche e private che riguardano gli ambienti costieri e marini.

Nel luglio 2001 il Nucleo viene trasformato in Servizio Tecnico di Archeologia Subacquea (STAS), adibito a compiti di coordinamento della ricerca, censimento, tutela, vigilanza, valorizzazione e fruizione del patrimonio archeologico subacqueo ligure.

Organizzazione

Del Servizio, attualmente coordinato dal funzionario archeologo Simon Luca Trigona, fanno parte due assistenti tecnici subacquei,  Marco Danielli, esperto di sicurezza e salvataggio in mare,  e Carlo Brizi, specializzato in rilievi video-fotografici, ed un funzionario storico dell’arte, Alessandra Cabella, per le competenze sui reperti di tipo storico artistico.

Attività

Il Servizio fornisce il supporto tecnico-scientifico necessario al controllo ed alle verifiche ordinariamente richieste dai funzionari territorialmente responsabili; più in generale si occupa del censimento sistematico, della tutela e della valorizzazione dei beni archeologici e storico artistici sommersi.

Allestimento del Museo Navale di Imperia, sala del relitto della nave romana di Diano Marina

Molteplici sono le funzioni svolte dal Servizio Tecnico per l’Archeologia Subacquea:

    • Tutela del patrimonio archeologico e storico artistico sommerso;
    • Ricerca, controllo e documentazione delle presenze archeologiche;
    • Ispezione e controllo dei lavori pubblici a mare;
    • Coordinamento delle attività di ricerca in collaborazione con enti pubblici e privati;
    • Valorizzazione dei contesti archeologici e storico artistici subacquei.

Collegamento al canale Youtube dello STAS-Liguria