Archivi categoria: Eventi

Preistoria e Protostoria della Liguria. LIII riunione scientifica IIPP

GENOVA, 16-20 OTTOBRE 2018
Sala Conferenze della Biblioteca Nazionale Universitaria
Via Balbi 40

PROGRAMMA

Martedì, 16 ottobre
14:00-15:00 Registrazione
15:00-15:30 Saluti delle Autorità e apertura dei lavori
SESSIONE 1 – Inquadramento cronologico e culturale
15:30-16:00 Fabio Negrino, Elena Rossoni-Notter, Patrick Simon, Carlo Tozzi. Il Paleolitico e il Mesolitico.
16:00-16:30 Didier Binder, Roberto Maggi, Vincenzo Tiné. Il Neolitico.
16:30-16:50 Discussione
16:50-17:20 Roberto Maggi, Mark Pearce. L’età del Rame.
17:20-17:50 Angiolo Del Lucchese, Thibault Lachenal, Cristiano Putzolu, Francesco Rubat Borel. L’età del Bronzo.
17:50-18:20 Raffaele de Marinis, Piera Melli. L’età del Ferro.
18:20-18:40 Discussione

Mercoledì, 17 ottobre
SESSIONE 2 – Siti, materiali, produzioni, relazioni e scambi
9:00-9:20 Mondher M’Hamdi, Dominique Cauche. Les chasseurs-cueilleurs de l’unité archéostratigraphique “UA 26” de la grotte du Lazaret, Nice (Alpes-Maritimes) : traditions techniques et comportements socioéconomiques.
9:20-9:40 Olivier Notter, Elena Rossoni-Notter, Patrick Simon, Suzanne Simone. Nuove ricerche: dalla grotta de l’Observatoire (Monaco) ai Balzi Rossi (Ventimiglia, Liguria, Italia).
9:40-10:00 Fabio Negrino, Julien Riel-Salvatore, Daniele Arobba, Stefano Benazzi, Stefano Bertola, Geneviève Pothier Bouchard, Patrick Simon, Sahra Talamo, Andrea Zerboni. Riparo Bombrini (Balzi Rossi, Ventimiglia, Imperia): Culture, chronology and environment during the transition from Neandertals to anatomically modern humans in Liguria.
10:00-10:20 Julien Riel-Salvatore, Fabio Negrino, Simon Paquin, Cristiano Putzolu, Pothier Bouchard. A spatial analysis of the Protoaurignacian levels at Riparo Bombrini (Ventimiglia, Imperia).
10:20-10:50 Coffee break
10:50-11:10 Fabio Negrino, Julien Riel-Salvatore, Stefano Benazzi, Jamie Hodgkins, Christopher Miller, Caley Orr, Marco Peresani, David Strait, Claudine -Miguel, Geneviève Pothier Bouchard, Dominique Meyer, Daniele Arobba, Henry De Santis, Elisabetta Starnini. The Arma Veirana (Erli, Savona): a paleoenvironmental and cultural archive spanning the Pleistocene and Holocene.
11:10-11:30 Fabio Santaniello. La Liguria durante il Gravettiano: un ponte verso l’Italia tirrenica.
11:30-11:50. Margherita Mussi. L’Epigravettiano antico ai Balzi Rossi.
11:50-12:10 Guillaume Porraz, Louise Purdue, Patrick Simon, Antonin Tomasso. Le complexe de la vallée du Jabron (Var, France) et ses perspectives pour l’étude du Paléolithique supérieur méditerranéen.
12:10-12:30 Discussione
12:30-12:50 Didier Binder. La Néolithisation et les premières étapes du Néolithique en Provence : progrès récents et nouvelles perspectives de recherche sur les systèmes techniques et symboliques.
12:50-13:10 Giuliva Odetti. Il Neolitico finale ligure attraverso le stratigrafie delle Arene Candide e di Riparo di Rocca Due Teste (Alpicella-Varazze).
13:10-15:00 Pausa pranzo
15:00-15:20 Marica Venturino. Il Neolitico in valle Scrivia (VI-V millennio a.C.) alla luce di recenti indagini archeologiche.
15:20-15:40 Stefano Rossi, Chiara Panelli, Roberto Maggi, Peter Rowley-Conwy. La Caverna delle Arene Candide nel VI millennio BCE. Un quadro cronologico e insediativo.
15:40-16:00 Chiara Panelli, Marzia Gabriele, Louise Gomart, Léa Drieu, Cristina De Stefanis, Stefano Rossi, Daniele Arobba, Didier Binder, Roberto Maggi. Tradizioni tecniche e produzione ceramica nel VI millennio BCE alle Arene Candide: un approccio integrato.
16:00-16:20 Discussione
16:20-16:50 Coffee break
16:50-17:10 Nadia Campana, Alberto Manfredi, Gabriele Martino, Paola Chella, Neva Chiarenza, Renato Nisbet, Chiara Panelli, Ivano Rellini, Stefano Rossi. Indagini archeologiche a San Nicolao di Pietra Colice (Castiglione Chiavarese – GE). L’insediamento preistorico.
17:10-17:30 Romuald Mercurin, Thibault Lachenal. Les Alpes maritimes françaises à l’âge du Bronze : bilan chrono-culturel.
17:30-17:50 Davide Delfino. I castellari di Camogli e Zignago: la Liguria orientale costiera e interna tra età del Bronzo Medio e Recente attraverso la revisione della cultura materiale e dei contesti.
17:50-18:10 Angiolo Del Lucchese, Silvana Gavagnin, Alessandra Macco, Carmelo Prestipino, Elisabetta Starnini. Nuovi dati dall’entroterra savonese tra Bronzo Finale ed età del Ferro.
18:10-18:30 Discussione

Giovedì, 18 ottobre
SESSIONE 3 – Ambiente, risorse, paesaggio, popolazione
8:50-9:10 Patricia Valensi, Abdelkader Moussous, Khalid El Guennouni. Les faunes du Pléistocène supérieur de la Ligurie (Italie): biostratigraphie et paléoécologie
9:10-9:30 Giovanni Boschian, Stefano Grimaldi. The Middle-Upper Palaeolithic at the Riparo Mochi (Balzi Rossi, Ventimiglia, Italy): a perspective.
9:30-9:50 Stefano Grimaldi. Raw material procurement and land use in the Northern Mediterranean Arc during the Mousterian, Proto-Aurignacian and Gravettian at Riparo Mochi (Balzi Rossi, Italy).
9:50-10:10 Antonin Tomasso, Gabriele Martino, Fabio Negrino, Guillaume Porraz. Materie prime e sistemi di approvvigionamento nel Paleolitico superiore: un punto di vista ligure.
10:10-10:30 Julien Riel-Salvatore, Daniele Arobba, Gabriele Martino, Ivano Rellini, Marco Firpo, Stefano Rossi, Roberto Maggi. A synthesis of recent research in the Paleolithic deposits of Caverna delle Arene Candide: Revised chrono-stratigraphy and insights into climate and site formation processes.
10:30-11:00 Coffee break
11:00-11:20 Marcello Antonio Mannino, Sahara Talamo, Antonio Tagliacozzo, Elisabetta Starnini, Patrizia Garibaldi, Guido Rossi, Daniele Arobba, Andrea De Pascale, Angiolo Del Lucchese, Michael P. Richards. La dieta del Paleolitico superiore in Liguria: una ricognizione isotopica.
11:20-11-40 Marta Zunino, Elisabetta Starnini, Daniele Arobba, Marco Avanzini, Rosanna Caramiello, Paolo Citton, Livia Camilla Clementi, Marco Firpo, Stefano Giannotti, Fabio Negrino, Fiorenzo Panizza, Marco Romano, Ivano Rellini, Isabella Salvador. Toirano revisited: nuove ricerche geoarcheologiche e paleontologiche nella Grotta della Bàsura (Toirano, SV). Primi risultati dello studio multidisciplinare delle evidenze antropiche e dei depositi a fauna del Pleistocene superiore.
11:40-12:00 Henry de Lumley. Histoire et évolution de l’homme en Provence et en Ligurie avant l’arrivée de Homo sapiens : le Vallonet, la Baume Bonne, Terra Amata, le Lazaret, Madonna dell’Arma et Grotta delle Fate.
12:00-12:20 Discussione
12:20-12:40 Roberto Maggi, Nadia Campana, Gabriele Martino, Marzia Gabriele, Nicosia, Chiara Panelli, Stefano Rossi, Barbara Voytek. Pianaccia di Suvero: ricerche 1981-82.
12:40-13:00 Giovanni Boschian, Peter Rowley-Conwy, Chiara Panelli, Stefano Rossi, Roberto Maggi. Early Neolithic depositional processes and site use at Arene Candide Cave (NW Italy). Excavations 1997, 2002, 2012.
13:00-13:20 Nicholas Branch, Roberto Maggi, Carlo Montanari. Late Pleistocene and Early Holocene Ligurian Environmental Changes and Human History.
13:20-15:00 Pausa pranzo
15:00-15:20 Renato Nisbet, Mauro Rottoli, Daniele Arobba, Chiara Panelli, Stefano Rossi, Roberto Maggi. Pratiche agricole e paesaggi del primo Neolitico. Nuovi dati dalle Arene Candide.
15:20-15:40 Gwenaëlle Goude, Alessandra Varalli, Irene Dori, Patrizia Garibaldi, Elisabetta Starnini, Paolo Biagi, Vitale Sparacello. New insights into Neolithic dietary and cultural behaviours in Liguria.
15:40-16:00 Eóin W Parkinson, Jay T. Stock, Damiano Marchi, Brigitte M. Holt, Alessandra Varalli, Vitale Sparacello. Physical activity and mobility behaviour in Middle Neolithic Liguria.
16:00-16:20 Discussione
16:20-16:50 Coffee break
16:50-17:10 Roberto Maggi, Nadia Campana, Mark Pearce. Monte Loreto: dall’Età del Rame all’alto Medioevo.
17:10-17:30 Silvia Paltineri, Giovanni Leonardi. Determinismo geografico? Il caso ligure: una catena montuosa fra costa e pianura, nel passaggio dall’età del Bronzo all’età del Ferro.
17:30-17:50 Francesca Alhaique, Antonio Curci, Ivana Fiore, Alex Fontana, Antonio Tagliacozzo, Umberto Tecchiati, Ursula Thun Hohenstein, Amedeo Luigi Zanetti. Passato, presente e futuro delle indagini archeozoologiche sui siti preistorici e protostorici della Liguria.
17:50-18:10 Mark Pearce, Roberto Maggi. Produzione e circolazione del bronzo in Liguria nell’Età del Ferro.
18:10-18:30 Discussione.

Venerdì 19 ottobre
SESSIONE 4 – Arte, pratiche rituali e funerarie
9:00-9:20 Fabio Martini, Lucia Sarti. L’arte paleolitica e neolitica in Liguria: temi ed esperienze formali tra cosmopolitismo e regionalità.
9:20-9:40 Renata Grifoni Cremonesi. Arte rupestre e statue-stele dell’età dei metalli in area ligure nel quadro delle manifestazioni contemporanee italiane e mediterranee.
9:40-10:00 Margherita Mussi. Le Veneri dei Balzi Rossi in un contesto eurasiatico.
10:00-10:20 Julien Riel-Salvatore, Claudine Gravel Miguel, Stefano Rossi, Gabriele Martino, Chiara Panelli, Vitale Stefano Sparacello, Vincenzo Formicola, Roberto Maggi. Il comportamento funerario degli epigravettiani nella Caverna delle Arene Candide alla luce delle nuove ricerche.
10:20-10:50 Coffee break
10:50-11:10 Chiara Panelli, Stefano Rossi, Dori Irene, Alessandra Varalli, Gwanaelle Goude, Jacopo Moggi-Cecchi, Elisabetta Starnini, Marta Conventi, Roberto Maggi, Angiolo Del Lucchese, Daniele Arobba, Andrea De Pascale, Patrizia Garibaldi, Guido Rossi, Irene Molinari, Monica Zavattaro, Vitale Stefano Sparacello. Nuove date 14C sui resti antropologici neolitici della Liguria.
11:10-11:30 Marica Venturino, Andrea Cardarelli, Costanza Paniccia. La necropoli a cremazione dell’età del Bronzo di Alba.
11:30-11:50 Discussione
11:50-13:10 Discussione poster Sessioni 2-4
SESSIONE 5 – Storia delle ricerche
15:00-15:20 Andrea De Pascale, Elena Rossoni-Notter. Storia delle ricerche e collezioni preistoriche in Liguria. Riflessioni: stato di fatto, novità, prospettive.
15:20-15:35 Filippo Maria Gambari, Mario Mineo. Le prime fasi delle ricerche in Liguria, dall’archivio storico del Museo Pigorini.
15:35-15:50 Andrea De Pascale. Il carteggio di Arturo Issel nel Fondo Pigorini dell’Università di Padova.
15:50-16:05 Maria Cristina Bonci, Giuliva Odetti. Progressi nello studio delle lastre fotografiche della collezione di G.B. Rossi.
16:05-16:30 Coffee break
16:30-16:45 Massimo Tarantini. L’attività dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana Liguria (1913-1950). Ricerche, metodi, strategie.
16:45-17:00 Elisa Bianchi, Andrea De Pascale, Giulio Montinari. Federico Hosmer Zambelli, il Gruppo Speleologico “Aldobrandino Mochi” e Camillo Richard: tre casi di attività di ricerca paletnologica nella Liguria di Ponente negli anni ’20-’30 del Novecento.
17:00-17:15 Daniela Gandolfi. Gli interessi di Nino Lamboglia (1912-1977) per le scienze preistoriche. Dal Convegno Paletnologico Ingauno (1937) agli scavi della necropoli di Chiavari (1959-1969).
17:15-17:30 Francesco Rubat Borel, Patrizia Solinas. Gli studi sulla lingua degli antichi Liguri nel XX secolo, tra linguistica ed archeologia.
17:30-18:00 Discussione Sessione 5
18:00-18:30 Chiusura lavori

Sabato 20 ottobre
ESCURSIONI

Poster Session
SESSIONE 2 – Siti, materiali, produzioni, relazioni e scambi
1. Fabio Negrino, Ivano Rellini, Giuseppe Vicino. Prima segnalazione di industria paleolitica arcaica nel sito “Campo sportivo” in località Gorra (Finale Ligure, Savona).
2. Elisa Leger, Fabio Negrino, Marco Peresani. L’industria litica musteriana dell’Arma delle Mànie (Finale Ligure, Savona).
3. Matteo Romandini, Elena Rossoni-Notter, Olivier Notter, Patrick Simon, Suzanne Simone. Grotta dell’Observatoire (Monaco): analisi dell’industria su materie dure animali, oggetti di parure e prime osservazioni archeozoologiche.
4. Fabio Negrino, Ursula Thun Hohenstein, Andrea Zerboni, Luigi Di Francescantonio, Sandro Lorenzelli. Il sito di Via San Francesco a Sanremo (Imperia): un’industria laminare del Paleolitico medio.
5. Gabriele Martino, Fabio Negrino, Roberto Maggi. Il Paleolitico medio-superiore del Levante ligure.
6. Cristiano Putzolu, Fabio Negrino, Julien Riel Salvatore. Il rilievo del riparo Bombrini: tecniche di fotogrammetria sfm per l’acquisizione 3D di un contesto di scavo.
7. Giovanni Cavallo, Fabio Negrino, Julien Riel-Salvatore. Preliminary scientific research on ochre fragments from Riparo Brombini.
8. Stefano Grimaldi, Elisabetta Starnini, Angiolo Del Lucchese. Primi dati dalle campagne di ricerca 1997-2002 al Riparo Lorenzi (Balzi Rossi, Ventimiglia, IM).
9. Ivana Fiore, Francesca Alhaique, Antonio Tagliacozzo. Outillage peu élaboré in materia dura animale dai livelli paleolitici delle Arene Candide (Finale Ligure, Savona).
10. Leïla Hoareau, Didier Binder, Sylvie Beyries. Restituer la diversité et la complexité des traditions ornementales épigravettiennes: approche systémique de la biographie des objets de parure de l’Abri Martin (Alpes-Maritimes, France).
11. Flavio Altamura, Margherita Mussi, Fabio Negrino, Giuseppe Vicino. Una lucerna paleolitica scoperta nella Grotta degli Zerbi (Finale Ligure, SV).
12. Giuliva Odetti, Antonella Traverso. Evidenze archeologiche da località Zuncri (Isola del Cantone-Ge): la tradizione mesolitica.
13. Chiara Panelli, Elisabetta Starnini, Renato Nisbet, Caterina Ottomano. Villanova d’Albenga (SV), località Coasco (SV): un insediamento neolitico all’aperto nell’entroterra ingauno.
14. Chiara Panelli, Vitale Stefano Sparacello, Marta Conventi, Henry de Santis, Stefano Rossi, Elisabetta Starnini, Carlo Tozzi. La Grotta Mandurea a Borgio Verezzi (SV) tra ricerca e tutela.
15. Henry de Santis, Simona Mordeglia, Elisabetta Starnini. Tra la fine del Neolitico e l’età dei metalli in Liguria: nuove evidenze di frequentazione di caverne del Ponente Ligure.
16. Henry de Santis. Aggiornamento dello stato di conservazione dei depositi delle caverne archeologiche del comprensorio Toiranese (SV).
17. Roberto Micheli, Chiara Panelli, Stefano Rossi, Roberto Maggi. Ornamenti personali dai livelli Impresso-Cardiali della Caverna delle Arene Candide.
18. Chiara Panelli, Elisabetta Starnini, François-Xavier Le Bourdonnec, Carlo Lugliè. Nuove indagini sulla caratterizzazione e la provenienza delle ossidiane della Grotta Pollera (Finale Ligure, SV).
19. Alessandro Borghi, Elisabetta Starnini, Roberto Cossio, Francesca Gambino, Miriana Ribero, Roberto Cabella, Mauro Cinquetti. L’anello-bracciale della Caverna dei Pipistrelli (Finale L., SV): analisi archeometriche per lo studio della provenienza della materia prima e implicazioni culturali.
20. Cristina De Stefanis, Barbara Voytek, Sylvie Beyries, Roberto Maggi, Stefano Rossi, Chiara Panelli. Analisi funzionale dei brunitoi per la produzione ceramica dai livelli Impresso-Cardiali delle Arene Candide.
21. Roberto Giustetto, Roberto Compagnoni, Miriana Ribero, Marica Venturino. L’industria in pietra verde dal sito del Neolitico antico padano di Novi Ligure. Studio archeometrico e analisi minero-petrografiche.
22. Sabrina Armenio, Fabio Negrino, Sahra Talamo. Ronco del Gatto (Bardi, Parma): un sito di estrazione e di lavorazione della radiolarite nell’Appennino parmense. Dal Paleolitico medio all’età del Rame.
23. Antonella Traverso, Almudena Arellano, Eugenia Isetti, Giulio Montinari, Irene Molinari, Ivano Rellini, Guido Rossi. La Tana di Badalucco e la Grotta Giacheira (Pigna, Imperia): dagli scavi ottocenteschi alla ripresa delle ricerche.
24. Paola Chella. Scavi clandestini in Val Frascarese, gli elementi di novità.
25. Alberto Agresti, Emanuela Paribeni, Paola Perazzi. La Toscana Nord Occidentale tra Bronzo medio e Bronzo finale. La formazione dell’identità culturale di un territorio di confine.
26. Christian Metta, Giacomo Bilotti. Archeologia del paesaggio in Toscana settentrionale: i contesti archeologici in grotta tra Eneolitico ed età del Bronzo.
27. Renato Lagomarsino, Roberto Maggi, Italo Pucci. Segni sul Ramaceto.
28. Giuliva Odetti. Il villaggio della Media età del Bronzo di località Castellari (Loano, SV).
29. Silvana Gavagnin, Silvia Pirotto, Carmelo Prestipino, Maria Rosa Simonassi. L’area archeologica di Rio Cavallera – Carcare (SV): note preliminari.
30. Piera Melli, Antonella Traverso. Nuovi dati sull’alta Valle Scrivia.
31. Angiolo Del Lucchese, Giuliva Odetti. Il Bronzo finale e la prima età del Ferro a Monte Trabocchetto-Rocca delle Fene (SV).
32. Claudio Capelli, Elisabetta Starnini, Roberto Cabella, Michele Piazza. Archeometria delle produzioni fittili preistoriche e protostoriche della Liguria: primo contributo per una definizione dei markers petrografici del distretto produttivo Albenga-Centa-Val Pennavaire (SV).
33. Barbara Barbaro, Nadia Campana, Paola Chella. I materiali della fine dell’età del Bronzo di Chiavari (GE), Vado Ligure (SV) e Diano Marina (IM).
34. Guido Rossi, Eugenia Isetti. Il ripostiglio di Loto (Sestri Levante, Genova). Riscoperte e nuove ipotesi.
35. Elisa Vecchi. L’ambra dei Liguri: attestazioni e modi di approvvigionamento nell’età del Bronzo e del Ferro.
36. Francesca Bulgarelli, Claudio Capelli, Roberto Cabella. La necropoli di Albisola Superiore tra archeologia e archeometria. Le origini della produzione ceramica albisolese.
SESSIONE 3 – Ambiente, risorse, paesaggio, popolazione.
1. Anne-Elisabeth Lebatard, Didier L. Bourlès, Elena Rossoni-Notter, Olivier Notter, Patrick Simon, Suzanne Simone. Preliminary cosmogenic nuclide burial dating of artefacts from the Observatoire Cave (Monaco Principality).
2. Marie Antoinette de Lumley, Giacomo Giacobini, Patricia Valenzi. Resti neandertaliani da Madonna dell’Arma (Sanremo) e dall’Arma delle Mànie (Finale Ligure).
3. Geneviève Pothier Bouchard, Julien Riel-Salvatore, Fabio Negrino, Michael Buckley. Zooarchaeological and ZooMS insights into modern human mobility at Riparo Bombrini.
4. Marcello Antonio Mannino, Elisabetta Starnini, Stefano Grimaldi. Nuovi studi sulla malacofauna paleolitica del Riparo Mochi.
5. Daniele Albertini, Francesca Alhaique, Marcello Antonio Mannino, Antonio Tagliacozzo. Modelli paleoambientali tra Pleistocene ed Olocene nel Mediterraneo centrale. Stato degli studi e prospettive di ricerca sui resti di pesce da siti archeologici liguri.
6. Elvira Orso, Giulia Capecchi, Stefano Ricci. La ricostruzione facciale dell’individuo epigravettiano della “Sepoltura 2” della Caverna delle Arene Candide (Finale Ligure, SV).
7. Manon Galland, Giuseppe D’Amore, Sylvia Di Marco, Vitale S. Sparacello, Alessandra Varalli, Martin Friess, Roberto Miccichè, Ron Pinhasi, Luca Sineo. L’origine del Neolitico in Italia: una prospettiva craniometrica dalla Liguria.
8. Emanuela Cristiani, Vitale Sparacello, Irene Dori, Elisabetta Starnini, Ron Pinhasi. A multidisciplinary study of dental calculus in a sample from the Neolithic of Liguria.
9. Eliza Orellana González, Emmy Bocaege, Jacopo Moggi-Cecchi, Vitale S. Sparacello, Irene Dori. Growth disturbances in the Neolithic of Liguria from the analysis of perikymata.
10. Patrizia Garibaldi, Giuseppe Vicino, Eugenia Isetti, Irene Molinari, Guido Rossi, Maria Tagliafico. Risorse marine nei siti preistorici dell’arco ligure: nuovi dati e prospettive.
11. Marzia Gabriele, Chiara Panelli, Mariangela Guido, Carlo Montanari, Roberto Maggi, Didier Binder. Chamotte e polline: tracce dei primi migranti neolitici al microscopio.
12. Daniele Arobba, Rosanna Caramiello, Marco Firpo, Luca Mercalli, Lionello F. Morandi, Stefano Rossi. Alla foce del Bisagno: evidenze relative alla più antica frequentazione antropica dell’area urbana di Genova.
13. Alessandro Peinetti, Sila Motella De Carlo, Marica Venturino. Analisi di un residuo contenente semi di Papaverum somniferum su un manufatto databile al Neolitico medio da Castello di Annone (Asti).
14. Stefano Rossi, Chiara Panelli, Roberto Maggi, Daniele Arobba, Peter Rowley-Conwy. Due strutture di combustione rinvenute in un livello Cardiale della Caverna delle Arene Candide.
15. Ivano Rellini, Marco Firpo. La duna perduta: indagini micromorfologiche su lembi relitti dell’antico deposito eolico delle Arene Candide (Finale Ligure).
16. Sara Bernardini, Gwenaëlle Goude, Roberto Maggi, Nadia Campana, Renato Nisbet, Alessandra Varalli, Mary Anne Tafuri. Nuovi dati sull’età del Rame del Levante ligure tramite analisi isotopiche multi-proxy.
17. Andrea De Pascale, Roberto Maggi, Carlo Montanari. Le Mogge di Ertola (Rezzoaglio, GE): un archivio per novemila anni di storia ambientale.
18. Sila Motella De Carlo. Paesaggio e risorse naturali nel Piemonte meridionale tra Neolitico ed età del Ferro.
SESSIONE 4 – Arte, pratiche rituali e funerarie
1. Chiara Panelli, Elisabetta Starnini. Due nuove figurine fittili neolitiche dalla Caverna delle Arene Candide (Finale Ligure, SV).
2. Elena Bedini. Resti faunistici da necropoli a incinerazione dell’età del Bronzo e del Ferro nel Piemonte meridionale.
3. Silvana Gavagnin, Lorenza Panizzoli, Silvia Pirotto, Carmelo Prestipino, Maria Rosa Simonassi. L’urna in località Salve Regina – Millesimo (SV): note preliminari e spunti di riflessione.
4. Benedetta Bresadola, Claudio Cavazzuti, Alessandro Vanzetti, Luca Bondioli. Analisi antropologica di un campione di 22 tombe dalla necropoli di Chiavari (GE).
5. Mario Codebò, Henry De Santis. Indagini archeoastronomiche su strutture liguri tipologicamente attribuibili al “Megalitismo”.
SESSIONE 5 – Storia delle ricerche
1. Andrea De Pascale, Daniela Gandolfi. Documenti d’interesse paletnologico nell’archivio storico dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri: lettere, disegni, fotografie e diari di scavo.
2. Andrea De Pascale. Tre lettere di Clarence Bicknell nel Fondo Pigorini dell’Università degli Studi di Padova.
3. Nicola Cucuzza. Materiali egei nelle collezioni museali della Liguria.
4. Massimo Cultraro, Daniela Gandolfi. “Searching for the Blind Beetles”: Grace M. Crowfoot e l’esplorazione di Tana Bertrand (Badalucco, IM).
5. Monica Miari, Laura Minarini. Il materiale delle Arene Candide al Museo Civico Archeologico di Bologna – Dono Issel e Morelli.
6. Stefano Rossi, Chiara Panelli. Relazioni sociali e scientifiche dei primi ricercatori britannici nelle caverne del Finalese.

http://www.iipp.it/riunione-scientifica-iipp-in-liguria-programma/

La valorizzazione dell’archeologia subacquea in Italia. Parchi e musei, progetti e prospettive

Genova, Palazzo Reale | Albenga, Palazzo Peloso Cepolla

21-22 settembre 2018

L’archeologia subacquea dovrebbe essere vista come momento di sintesi di aspetti scientifici, tecnici e gestionali inerenti la tutela e la valorizzazione dei beni culturali sommersi. Porre in primo piano gli aspetti della musealizzazione di un sito subacqueo può rappresentare l’opportunità per lo sviluppo di campagne di indagine, la garanzia di una più incisiva azione di tutela e lo strumento per la progettazione di percorsi partecipativi che consentano una corretta interazione tra ambiente subacqueo e terraferma.

In questi ultimi anni è cresciuta e si è sviluppata in tutta Italia una spiccata tensione museologica, che ha coinvolto il livello politico e tecnico degli enti statali e regionali competenti, interessando anche lo specifico settore dell’archeologia subacquea.

L’esperienza maturata in Liguria, una terra tradizionalmente legata al mondo della subacquea, ha ripreso forza con le attività sperimentali di valorizzazione dei celebri contesti ingauni, che insieme a quelli di Imperia, di Lerici, di Bogliasco, di Portofino, di Capo Noli e ai numerosi musei navali del territorio costituiscono e rappresentano una rete integrata di percorsi subacquei ed espositivi.

L’incontro, organizzato dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria in collaborazione con l’Istituto Internazionale di Studi Liguria, con il supporto delle Direzioni Generali ABAP e Musei del MiBAC, del Polo Museale della Liguria, della Regione Liguria, del Comune di Albenga e della Guardia Costiera, si propone come momento di analisi e confronto delle recenti esperienze di valorizzazione nel campo dell’archeologia subacquea italiana. Si rivolge agli operatori del MiBAC, delle università, degli enti locali, delle forze dell’ordine e a tutti i professionisti che prendono parte al percorso di progettazione, allestimento e gestione di parchi e musei archeologici subacquei.

La prima giornata, a Genova, prevede una rassegna delle principali esperienze in questo settore nelle diverse regioni italiane. Particolare attenzione sarà posta alle procedure che consentono al Ministero di strutturare, in collaborazione con l’Autorità Marittima, le Amministrazioni locali e i diversi soggetti pubblici e privati, le attività di progettazione, allestimento e gestione dei siti e dei sistemi museali.

La rassegna prosegue nella seconda giornata ad Albenga, città-simbolo dell’archeologia subacquea italiana e sede del primo Museo Navale Romano, creato negli anni ’50 del secolo scorso dal fondatore dell’IISL: Nino Lamboglia. Gli interventi, prendendo spunto dall’opera dell’archeologo ligure e analizzando il caso-pilota di Baia, illustreranno i progetti che si stanno sviluppando in ambito regionale e il nuovo assetto del Ministero a livello centrale. Una tavola rotonda sulle prospettive della ricerca e della valorizzazione dell’archeologia subacquea nel nostro paese concluderà i lavori.

PROGRAMMA

Venerdì 21 settembre, ore 14,30-18,00 | Genova, Palazzo Reale

Saluti e introduzione ai lavori
Vincenzo Tiné | Soprintendente ABAP Liguria
Serena Bertolucci | Direttore Palazzo Reale e Polo Museale Liguria
Giovanni Pettorino | Comandante Generale Capitanerie di Porto
Michela Montevecchi | Vice Presidente VII Commissione – Beni culturali – Senato della Repubblica
Orietta Vanin | Membro VII Commissione – Beni culturali – Senato della Repubblica
Ilaria Cavo | Assessore alla Cultura Regione Liguria

 LA VALORIZZAZIONE DELL’ARCHEOLOGIA SUBACQUEA IN ITALIA: RASSEGNA REGIONALE

Il Veneto e il Friuli e l’Emilia Romagna (Luigi Fozzati)
La Sicilia (Sebastiano Tusa)
La Toscana (Andrea Camilli)
La Sardegna (Rubens Doriano, Francesco Marco Carrera e Gabriella Gasperetti)
La Liguria (Simon Luca Trigona) 

Sabato 22 settembre, ore 9,00-13,00 | Albenga, Palazzo Peloso Cepolla

Saluti e introduzione ai lavori
Giorgio Cangiano | Sindaco di Albenga
Cosimo Costa | Presidente IISL
Vincenzo Tiné | Soprintendente SABAP Liguria

PASSATO, PRESENTE E FUTURO DELL’ARCHEOLOGIA SUBACQUEA

La lezione di Lamboglia e il progetto del nuovo Museo Navale Romano di Albenga (Daniela Gandolfi – Simon Luca Trigona – Camillo Costa – Luca Dolmetta)
Il Progetto del Distretto Ligure della Subacquea (Andrea Musitelli)
Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale sommerso: il ruolo dell’ICA (Barbara Davidde)
Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale sommerso: il ruolo dell’UNESCO (Alessandro Asta)
Tavola rotonda

Per informazioni:
sabap-lig@beniculturali.it
Tel. 010 27181
Scarica la locandina dell’evento

Galleria immagini dell’evento

Sabato 22 settembre, Albenga, Palazzo Peloso Cepolla

 

Venerdì 21 settembre, Genova, Palazzo Reale

PREMIO CERVARA 2018 Architettura e paesaggio in Liguria

 Abbazia di San Girolamo al Monte di Portofino
13-14 ottobre 2018

In collaborazione con la “La Cervara”, la Regione Liguria, il Dipartimento di Architettura e Design dell’Università di Genova, l’Ordine degli Architetti delle Provincia di Genova e il Fondo per l’Ambiente Italiano, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria promuove un premio per gli interventi esemplari di recupero e valorizzazione di contesti monumentali e paesaggistici liguri, denominato: “Premio Cervara. Architettura e paesaggio in Liguria”.

L’obiettivo è quello di individuare e far conoscere ad un ampio pubblico quegli interventi di restauro e recupero di contesti architettonici e paesaggistici omogenei che hanno interessato in questi ultimi anni la regione Liguria e che, oltre ai corretti princìpi conservativi, hanno saputo valorizzare il contesto territoriale in cui si collocano tanto da farlo diventare un punto di eccellenza e di attrattiva sovralocale. La loro cifra caratteristica è rappresentata dall’essere esito di un percorso virtuoso di tutela e valorizzazione, condiviso da committenti privati e enti pubblici con l’organo statale preposto alla tutela e certificato dai suoi funzionari.

L’individuazione preliminare dei progetti sarà curata dal Soprintendente e dai funzionari architetti, storici dell’arte e archeologi della Soprintendenza. Sulla base di queste proposte, una commissione presieduta dal Soprintendente ABAP della Liguria e composta dagli altri componenti della Commissione Regionale per il Patrimonio Culturale del MiBAC (il Segretario Regionale, il Soprintendente Archivistico e il Direttore del Polo Museale) e da rappresentanti de “La Cervara”, del Dipartimento di Architettura e Design, dell’Ordine degli Architetti e del FAI procederà alla selezione finale dei vincitori.

La premiazione avverrà nel week-end del 13-14 ottobre presso l’Abbazia della Cervara, splendido esempio di corretto intervento di valorizzazione sulla costa tra Santa Margherita e Portofino e sarà preceduta dalla presentazione dei progetti premiati a cura dei committenti, dei progettisti e dei funzionari del MiBAC che hanno svolto l’alta sorveglianza sui lavori di restauro.

La volontà degli enti organizzatori è quella di rendere il Premio Cervara un evento a cadenza periodica, che preveda la pubblicazione intermedia degli interventi premiati in una serie editoriale dedicata.

Scarica in formato pdf

Novum Theatrum Intemelium. Presentazione del restauro del teatro romano di Nervia

Martedì 7 agosto 2018, alle ore 17.30, a Ventimiglia viene restituito alla comunità il Teatro Romano dell’Area Archeologica di Nervia, dopo un intervento di restauro durato alcuni anni e finanziato da Arcus Spa (oggi Ales Spa).

I lavori, condotti dalla Provincia di Imperia ed eseguiti sotto la direzione del personale tecnico dell’allora Direzione Regionale dei beni e delle attività culturali e della Soprintendenza, hanno comportato sia il restauro delle strutture antiche sia la loro rifunzionalizzazione finalizzata all’utilizzo del teatro per spettacoli e altre manifestazioni. Il teatro, passato recentemente in consegna dalla Soprintendenza al Polo Museale della Liguria, è stato infatti oggetto di un accordo di valorizzazione tra Polo Museale e Comune di Ventimiglia grazie al quale torneranno gli spettacoli all’interno di questa affascinante cornice, in grado di ospitare circa 400 spettatori.

Il teatro, costruito interamente in “pietra della Turbie” nel II-III secolo d.C., costituisce uno degli esempi meglio conservati di questo tipo di struttura di tutta l’Italia nord-occidentale, anche se restano ad oggi visibili solo le gradinate del primo ordine. La struttura, di dimensioni piuttosto limitate rispetto ad altre analoghe, ebbe vita piuttosto breve forse anche per il diminuito interesse dei contemporanei per il genere di spettacoli che era destinata ad ospitare, come mimi o intrattenimenti musicali. L’intera struttura fu nascosta per secoli dalle sabbie della vicina spiaggia per tornare alla luce solo a partire dalla seconda metà del XIX secolo, grazie agli scavi condotti da Girolamo Rossi, Pietro Barocelli e Nino Lamboglia.
Il cantiere di restauro è stato l’occasione per un riesame delle vicende costruttive del monumento attraverso saggi di scavo archeologico e rilievi realizzati attraverso le più avanzate metodologie. I risultati di queste ricerche saranno presto resi noti al pubblico sia attraverso una pubblicazione sia nel riallestimento dell’area espositiva dell’Antiquarium dell’Area Archeologica di Nervia, che da febbraio 2018 è passata in consegna al Polo Museale della Liguria.

Il 14 agosto, giorno prima di Ferragosto (le Feriae Augusti romane), il Polo Museale della Liguria aprirà il teatro alla cittadinanza con ingresso gratuito dalle 14 alle 20 con visite guidate gratuite alle 18.00 e alle 19.00. (Prenotazione consigliata allo 0184.252320 o a pm-lig.albintimilium@beniculturali.it).

Inaugurazione S.E.M. Riva Ligure

PALAZZO COMUNALE DI RIVA LIGURE
VIA NINO BIXIO 15

Venerdì 3 agosto 2018 viene inaugurato lo Spazio Espositivo Multimediale (S.E.M.) di Riva Ligure, concepito per fornire una prima informazione sul monumento archeologico più importante di Riva Ligure: la basilica paleocristiana tardoantica, ad oggi la chiesa rurale più imponente dell’Italia nord occidentale.

La chiesa, costruita nel VI secolo d.C. presso la curva del Don, continuò ad essere in uso fino al tardo Medioevo, andando incontro nel corso dei secoli a successivi ridimensionamenti e ricostruzioni, che il S.E.M. racconta dettagliatamente.

 

GENOVA CITTA’ SUPERBA

EVENTO ORGANIZZATO DA ANACI GENOVA

Acquario di Genova
Area Porto Antico | Ponte Spinola
venerdì 6 luglio 14,30 – 18,00

ore 14.30| Registrazione partecipanti
ore 15.00| Saluti istituzionali

GENOVA, LA STORIA, I PALAZZI
Tavola Rotonda – Moderatore Luca Russo
Nerio Marino | Presidente UPPI International
Andrea Rossi Tortarolo | Avvocato del Foro di Genova,
cultore della Storia Urbanistica
Elisa Serafini | Assessore Cultura Comune di Genova
Vincenzo Tiné | Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona
Cerimonia di consegna diplomi 44° Corso Formazione

GLI EDIFICI VINCOLATI, IL RUOLO DELL’AMMINISTRATORE
Tavola Rotonda | Moderatore Luca Russo
Francesco Burrelli | Presidente Nazionale ANACI
Stefano Podestà | Ingegnere strutturista UNIGE
Paolo Raffetto | Presidente Ordine Architetti Genova
Vincenzo Tiné | Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona
ore 18.00 | Saluti e chiusura lavori

RACCONTARE GLI ALTRI, RACCONTARE NOI STESSI: MUSEI DEMOETNOANTROPOLOGICI IN LIGURIA

19 GIUGNO 2018, ORE 16
GENOVA, PALAZZO REALE, SALONE DA BALLO

PROGRAMMA
Vincenzo Tiné | Soprintendente ABAP della Liguria
Saluti istituzionali

Claudio Rizzoni | Soprintendenza ABAP della Liguria
Introduzione

Silvana Vernazza | Soprintendenza ABAP della Liguria
Il Museo Etnostorico della Stregoneria di Triora e la persistenza di antiche culture nel Ponente ligure

Maria Camilla De Palma | Castello D’Albertis – Museo delle Culture del Mondo
Quando raccontando gli altri si racconta anche se stessi: incroci di sguardi a Castello D’Albertis Museo delle culture del mondo

 Fausto Figone | Museo Diffuso della Cultura Contadina di Velva
Il Museo Diffuso della Cultura Contadina di Velva racconta l’entroterra tra passato e presente

Giovanna Rocchi | Galata – Museo del Mare, sezione Memorie e Migrazioni
Musealizzare il racconto delle migrazioni. Fonti scritte e orali negli allestimenti del MEM – Memoria e Migrazioni al Galata Museo del Mare

Scarica la locandina e programma in formato pdf.

Museo Navale di Imperia Inaugurazione della Sala Nino Lamboglia

SABATO 21 APRILE 2018 – ORE 16:30
Inaugurazione dell’esposizione della nave a dolia del Golfo Dianese

Sala Nino Lamboglia

Il relitto della nave a dolia del Golfo Dianese, scoperto nel 1975 e recuperato con il suo carico completo nel corso di undici campagne di scavo, costituisce una particolare tipologia di nave per il trasporto del vino in uso tra fine I secolo a.C. – metà del I secolo d.C., che viene ora presentata al pubblico nel nuovo allestimento museale.

PROGRAMMA
Saluti delle Autorità
Carlo Capacci | Sindaco di Imperia
Vincenzo Tiné | Soprintendente ABAP Liguria
Elisabetta Piccioni | Segretariato Regionale della Liguria
Marco Parascandolo | Comandante della Capitaneria di Porto di Imperia
Nicola Podestà | Assessore alla Cultura del Comune di Imperia
Cosimo Costa | Presidente Istituto Internazionale di Studi Liguri

Introduzione alla visita
Simon Luca Trigona | Soprintendenza ABAP Liguria
Daniela Gandolfi | Istituto Internazionale di Studi Liguri
Flavio Serafini | Amici del Museo Navale di Imperia

Rinnovare i musei dei maestri

Rinnovare i musei dei maestri

Un convegno in due sessioni: 24 gennaio e 19 aprile 2018

A cura di
Enrico Pinna, Presidente AMS, Genova
Vincenzo Tiné, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria

L’Associazione AMS – Architettura Modernità e Scienze, la Fondazione Franco Albini e l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Genova con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Soprintendenza ABAP della Liguria e il Comune di Genova – Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili pongono all’attenzione del pubblico il tema del rinnovo dei musei dei Maestri del Razionalismo.

I più importanti studiosi, insieme ai dirigenti del Ministero e degli enti locali, discuteranno nella prima sessione del 24 gennaio 2018 hanno discusso la problematica generale, che nasce dal conflitto tra innovazione del percorso espositivo, restauro e adeguamento alle norme dell’edificio ospitante, da una parte, e tutela di allestimenti che sono ormai beni culturali in sé, dall’altra.

Nella seconda sessione, il prossimo 19 aprile, oltre ad ulteriori prolusioni generali alla problematica, verranno analizzati i casi-studio dei musei albiniani degli Eremitani a Padova, di Palazzo Bianco e Rosso e del Tesoro di San Lorenzo a Genova e di quelli scarpiani di Castelvecchio a Verona, delle Gallerie dell’Accademia a Venezia e degli Uffizi a Firenze.

Genova, Sala Rossa del Consiglio Comunale, Palazzo Albini,
via Garibaldi 9 |24 Gennaio 2018
Qui la locandina con il programma del 19 aprile

09.00 | Saluti
Elisa Serafini | Assessore a Marketing Territoriale, Cultura e Politiche per i Giovani, Comune di  Genova
Alessio Piana | Presidente del Consiglio Comunale
Carla Di Francesco | Segretario Generale – MiBACT
Serena Bertolucci | Direttore di Palazzo Reale e del Polo museale della Liguria – MiBACT
Clelia Tuscano | Vice-Presidente Ordine Architetti PPC Genova

09.30 | Introduzione
Gloria Piaggio | Direttore Cultura – Comune di Genova
Vincenzo Tiné | Soprintendente ABAP Liguria  – MiBACT
Enrico Pinna | Presidente AMS – Genova

10.00 | Relazioni
Presiede: Caterina Bon Valsassina |
Direttore Generale ABAP – MiBACT
Piero Boccardo, Andrea Canziani, Carla Arcolao Il Museo di Palazzo Rosso
Stefano Musso, Manuela Salvitti, Franco Boggero Il Museo
di San Lorenzo
Mirco Grassi Il Museo di Palazzo Bianco
Davide Banzato Il Museo degli Eremitani
Paola Marini Il Museo di Castelvecchio
Renata Codello Il Museo delle Gallerie dell’Accademia
Alessandra Marino Il Museo degli Uffizi: le Sale dei Primitivi

13.00 | Pausa pranzo

14.00
Francesco Dal Co La museografia del Razionalismo in Italia

15.00 | Dibattito

 

Genova, Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi, via Garibaldi 9 |24 Gennaio 2018
Qui la locandina con il programma del 24 gennaio.

14.00 | Registrazioni

14.30 | Saluto delle Autorità
Elisa Serafini | Assessore a Marketing Territoriale, Cultura e Politiche per i Giovani, Comune di  Genova
Paolo Raffetto | Presidente Ordine Architetti PPC Genova
Introduce i lavori Caterina Bon Valsassina |Direttore Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio MIBACT

14.50 | L’eredità dei maestri
Marco Albini | Presidente della Fondazione Franco Albini, Milano
Francesco dal Co | Direttore della rivista Casabella
Carlo Bertelli | Professore Emerito Universita di Losanna
Raffaella Fontanarossa, Docente di Museografia, Università di Bologna

17.00 | Dibattito
Piero Boccardo | Direttore dei Musei di Strada Nuova di Genova
Mirco Grassi | Direttore Opere Pubbliche del Comune di Genova
Maria Vittoria Marini Clarelli | Dirigente del Servizio IV della DG ABAP
Stefano Musso | Ordinario di Restauro, Università di Genova
Enrico Pinna | Presidente AMS, Genova
Vincenzo Tiné | Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria

Sono previsti 4 CFP per gli architetti iscrizioni: https://imateria.awn.it.

Qui la presentazione dei curatori del convegno.

Il paesaggio rurale d’interesse storico in Liguria, prospettive di tutela e valorizzazione

14 MARZO 2018 | GIORNATA NAZIONALE DEL PAESAGGIO

EVENTO PROMOSSO DAL MINISTERO DEI BENI E ATTIVITA’ CULTURALI E DEL TURISMO | DIREZIONE GENERALE ARCHEOLOGIA BELLE ARTI E PAESAGGIO – SERVIZIO V PAESAGGIO
Genova, Palazzo Reale, Salone da Ballo | ore 14,30 -18,30

a cura di Vincenzo Tiné e Caterina Gardella

Evento organizzato in collaborazione con:
Regione Liguria – Dipartimento Territorio; Università degli Studi di Genova; Carabinieri Forestali; Ordini degli Agronomi, degli Architetti, dei Geologi, degli Ingegneri, Collegio Provinciale dei Geometri della Provincia di Genova; AIAPP.

In occasione della 2° Giornata nazionale del Paesaggio la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le Province di Imperia, La Spezia e Savona, in collaborazione con il Dipartimento Territorio della Regione Liguria organizza un incontro di studi dedicato al tema del paesaggio rurale di interesse storico ligure.
Saranno discusse le criticità e le prospettive della tutela e della valorizzazione anche per quanto attiene l’attuale fase di copianificazione paesaggistica tra Stato e Regione.  La 2° Giornata Nazionale del Paesaggio sarà occasione anche per presentare la Carta Nazionale del Paesaggio, redatta dall’Osservatorio Nazionale per la Qualità del Paesaggio sulla base del Rapporto sullo Stato delle Politiche del Paesaggio (Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio, 2017) e dei contenuti emersi dagli Stati Generali del Paesaggio (Roma, 2017).
Partecipano dirigenti e funzionari del MiBACT e della Regione Liguria, professionisti dei diversi Ordini coinvolti e studenti delle scuole di specializzazione.
L’evento è gratuito ma a prenotazione obbligatoria fino al raggiungimento dei posti disponibili (inviare mail a sabap-lig.comunicazione@beniculturali.it).

 PROGRAMMA 

ore 14,30 | INTRODUZIONE E SALUTI
Vincenzo Tiné | Soprintendente ABAP Liguria – MiBACT
Marco Scajola | Assessore all’Urbanistica, Pianificazione territoriale ed Edilizia – Regione Liguria
Ilaria Cavo | Assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e culturali – Regione Liguria
Stefano Maj | Assessore all’Agricoltura, Parchi e Biodiversità – Regione Liguria
Elisabetta Piccioni | Segretario Regionale della Liguria – MiBACT
Serena Bertolucci | Direttore del Museo di Palazzo Reale e del Polo Museale della Liguria – MiBACT
Enrico Dassori | Direttore del Dipartimento Architettura e Design  – UniGE
Gustavo Dufour | Delegazione FAI Genova

ore 15,00 | INTERVENTI
Pier Paolo Tomiolo e Dino Biondi (Dipartimento territorio – Regione Liguria) | Il paesaggio rurale nel Piano Paesaggistico Regionale
Caterina Gardella (Soprintendenza ABAP Liguria) | La tutela del paesaggio rurale di interesse storico tra Codice BCP e PPR
Franco Bonechi (Comando Regionale Carabinieri Forestali) | Attività di prevenzione dei Carabinieri Forestali sul patrimonio boschivo
Guido Paliaga (CNR-IRPI – Torino) | Terrazzamenti e rischio geo-idrogeologico nella Val Bisagno
Diego Moreno e Paolo Derchi (UniGenova) | Paesaggi rurali di interesse  storico in Liguria e compatibilità con la gestione delle aziende agricole e forestali
Annalisa Rossi (Direttore Archivio di Stato di Genova) | La cartografia storica dell’Archivio di Stato di Genova: uomini e territorio fra passato e futuro. Esplorazioni
Stefania Spina (Presidente AIAPP) | Il programma GIAHS: come la FAO preserva il paesaggio rurale di interesso storico nel mondo
Marta Gnone (Segretariato MiBACT Liguria) | Il Piano di Gestione del Sito Unesco delle Cinque Terre

ore 18,00 | DIBATTITO

Con la partecipazione di Francesca Mazzino, Stefano Musso e Giovanna Franco (DAD – UniGe)

 

scarica la locandina in formato pdf